Regionalizzazione portate

Lo studio di regionalizzazione delle portate, redatto dalla fondazione CIMA di Savona, fornisce i valori di portata al colmo associati ai diversi tempi di ritorno per tutto il reticolo idrico montano, per bacini superiori ai 20 km2.
Per i dettagli tecnico-scientifici relativi all'analisi si rimanda al Rapporto regionalizzazione precipitazioni portate disponibile nel box a fianco.
I risultati di tale studio sono stati caricati su un visualizzatore di tipo GIS, con il fine di rendere l’informazione fruibile in modo semplice e il più possible rapido.
Per bacini idrografici che presentano un’area inferiore a 20 km2 il riferimento per la determinazione delle portate è il metodo SCS-CN del Soil Conservation Service. Una sintesi del metodo è riportata al par. 3 della relazione in allegato "linee guida per studi idrologici" disponibile nel box a fianco. Sono altresì ammessi studi idrologici per la determinazione delle portate con metodi che prevedono analisi di dettaglio.

Per bacini idrografici con sezione di chiusura ubicata sulla Dora Baltea nel tratto compreso tra Aymavilles e Pont-Saint-Martin il riferimento per la determinazione delle portate è lo "Studio Dora Baltea” elaborato da Hydrodata. Una sintesi del metodo è riportata al par. 4 della relazione in allegato "linee guida per studi idrologici". Lo "Studio Dora baltea” è disponibile nella sezione SCT dedicata (Sistema Cartografico territoriale della Regione Valle d'Aosta dedicata agli ambiti inedificabili in cui vengono riportate le sezioni e le portate associate ai diversi tempi di ritorno.