Didattica

Il Centro funzionale organizza e gestisce una serie di attività didattiche rivolte a scuole di diversi ordini e grado, nella convinzione che per costruire una società che sappia meglio affrontare i problemi connessi al rischio idrogeologico si debba partire soprattutto dalla formazione delle nuove generazioni, più recettive ai nuovi stimoli.

Tutte le iniziative sono rivolte non solo ai bambini ma anche agli insegnanti in modo che, negli anni successivi, con l’aiuto del materiale consegnato e della formazione specifica, possano essere in grado di riproporre autonomamente i progetti e, eventualmente, approfondire alcune tematiche.

Le attività proposte spaziano dalla meteorologia alle inondazioni, dalla dinamica di formazione delle frane fino all’analisi delle cartografie del pericolo, affrontando gli argomenti attraverso giochi organizzati per i più piccoli o spiegazioni di dettaglio per i più grandi.

Le attività sono rivolte ai seguenti ordini scolastici:


Scuola dell'infanzia

L’attività mira, attraverso il gioco e la drammatizzazione, a presentare ai bimbi i principali elementi che caratterizzano il tempo meteorologico (il sole, la pioggia, il vento, la neve, etc…) e i possibili effetti sul territorio di piogge forti (frane e alluvioni).
Nella prima attività sono presentate, attraverso la recitazione e il commento di un narratore, le principali caratteristiche meteorologiche delle quattro stagioni.
Nella seconda attività un nuvolone, un nonno e il nipotino sono i protagonisti di una recita per mettere in luce come l’esperienza giochi un ruolo fondamentale nelle allerte e descrivere i comportamenti corretti che devono adottare i bimbi in queste situazioni.
Nella terza attività un plastico, che rappresenta una valle incantata, sarà teatro di un racconto che mira a descrivere le principali caratteristiche di un’alluvione.
I disegni da parte dei bimbi e una canzoncina finale concludono l’attività che, in totale, dura circa un’ora e mezza.




Scuola primaria

Il progetto di educazione ambientale "Sono io che faccio le previsioni!", rivolto alle classi quarte e quinte delle Scuole Primarie valdostane, è un percorso di approfondimento per studenti e insegnanti sul funzionamento del sistema di previsione, monitoraggio e allerta, su come vengono effettuate le previsioni meteorologiche e quali sono gli effetti al suolo (frane e inondazioni). L’obiettivo del progetto è fornire ai ragazzi le conoscenze per saper leggere un bollettino meteorologico e tradurre le informazioni essenziali su un totem, fornito dal Centro funzionale regionale, in modo da poter presentare agli altri studenti le previsioni per il giorno successivo. Sarà effettuato un incontro preliminare con gli insegnanti finalizzato alla descrizione del progetto e alla formazione sui temi principali che verranno trattati. Le attività con i ragazzi sono distribuite su due incontri. Nel primo incontro, si visiterà una stazione meteo nelle vicinanze della scuola. La seconda uscita sarà dedicata alla scoperta del Centro funzionale regionale: i ragazzi, dapprima, incontreranno il meteorologo, che spiegherà loro come effettua le previsioni; successivamente approfondiranno il tema delle frane, delle inondazioni e delle allerte con l’aiuto di un plastico che rappresenta una valle alpina.

E’ infine prevista un’eventuale giornata finale di giochi a squadre, aventi come tema la meteorologia.


Materiale:

  • Materiale informativo per gli studenti - scarica
  • Esempio di bollettino meteo - scarica
  • Domande su bollettino meteo - scarica
  • Risposte su bollettino meteo - scarica
  • Quiz su frane e alluvioni - scarica
  • Soluzioni al quiz frane e alluvioni - scarica
  • Test riepilogativo - scarica
  • Soluzioni al test riepilogativo - scarica


Scuola secondaria di primo grado

La proposta si articola in due diverse attività. La prima, diretta soprattutto agli alunni di prima media, si riferisce alla conoscenza degli strumenti della meteorologia. I ragazzi, suddivisi in gruppi, conosceranno gli strumenti meteorologici storici e elaboreranno delle ipotesi sul loro funzionamento. Il tecnico del Centro funzionale illustrerà i singoli strumenti e descriverà le stazioni meteorologiche di ultima tecnologia.
La seconda, dedicata agli studenti del terzo anno, consiste in una simulazione da parte degli studenti, suddivisi in gruppi, di un’allerta. Nell’ambito dell’attività si impareranno a leggere cartografie semplificate del pericolo d’inondazione.

Materiale

Prima media

Terza media

  • Esempio bollettino - scarica
  • Domande su bollettino - scarica
  • Risposte su bollettino - scarica
  • Esempio bollettino di vigilanza - scarica
  • Domande su bollettino allerte - scarica
  • Risposte su bollettino allerte - scarica
  • Disegno bollettino allerte - scarica
  • Scenari di allerta - scarica
  • Carta pericolo di inondazioni Aosta - scarica

Scuola secondaria di secondo grado

Le classi saranno accompagnate da un tecnico del Centro Funzionale che mostrerà loro le aree tecniche di cui si compone, descrivendo loro come si costruisce una previsione meteorologica, come si emana un’allerta idrogeologica, come si gestisce la rete di stazioni, come si costruiscono le cartografie del pericolo.

Una simulazione d’allerta e/o la descrizione di una stazione meteorologica, e della relativa strumentazione, potranno completare la visita.